MONTE SALVEDELLA-GROTTA DEL LANDREL
  • Event Time:

MONTE SALVEDELLA-GROTTA DEL LANDREL

Gruppo: Prealpi Trevigiane
Tipologia: anello
Partenza ed Arrivo: Miane m. 750
Dislivello: salita e discesa m. 750
Quota massima: m. 1.000
Difficoltà: E
Tempo ore: 5 ore
Cartografia: Tabacco 1:25.000 foglio 068
Accompagnatori: Silvano Bandiera – Michela Baldisser – cell 333 427 1712
Partenza: ore 07.00
Rientro: ore 16,00 (indicativo)
Trasporto: mezzi propri

Quale alone di mistero circonda questo luogo? Leggenda o storie di un tempo? A pochi passi da casa si trova uno dei luoghi protagonisti di vecchi racconti e avvenimenti legati al credo popolare. Partendo a piedi dal paese di Miane si seguono le indicazioni per il Santuario della Madonna del Carmine. Consigliato l’itinerario sulla Strada Vecia che in breve ci porta al di fuori dell’abitato, per intraprendere l’interessante Via Crucis realizzata nel 1902. Dopo circa un’oretta di cammino ci si trova nel sagrato del Santuario della Madonna del Carmine, luogo particolarmente panoramico e suggestivo. Ben visibili a fianco della chiesa le indicazioni ”Grotta del Landrel”. Proseguendo lungo una comoda mulattiera in parte asfaltata, si giunge in breve al piccolo ma graziosissimo borgo di Posa Granda (600 m.), dove alcuni ben ristrutturati edifici rendono il luogo una vera “bomboniera”. Più a nord, dopo aver imboccato la nuova forestale in direzione del Monte Salvedella, ci si stacca a dx per una traccia che si addentra in un ambiente surreale, fra affioramenti rocciosi e muschi. Il percorso prosegue all’interno del bosco fino ad incontrare una piccola radura dove campeggia un crocifisso ligneo, dietro al quale sgorgano le acque di una sorgente: è la fontana del “Landrel”. Ancora pochi passi e raggiungiamo a 970 m di quota l’interessante ma al quanto misteriosa cavità naturale denominata “Landrel”. Su questo luogo si narrano racconti legati a un pastorello che ricevette in dono una statuetta della Madonna proveniente dalla Terra Santa. Nel 1819 venne poi eretto in onore della Madonna del Carmine (originariamente Madonna del Carmelo) l’attuale Santuario più a valle. Dopo aver superato uno sperone di roccia, iniziamo a perdere quota e raggiungiamo cosi’ una strada forestale che ci riporta nei pressi di Posa Granda dove, percorrendo a ritroso il tragitto fatto in andata, si rientra al punto di partenza.
Vedi a pagina 13 il regolamento escursionistico completo.

cai-admin

Leave a Comment