7929
4-24-Maggio-2015-Monte-Matajur
  • Event Time:
  • Location: Rifugio Pelizzo

Gruppo: Alpi Giulie
Tipologia: attraversata
Partenza: Rifugio Pelizzo m 1325
Arrivo: località Caporetto m 234
Dislivello: salita m 316 – discesa m 1407
Quota massima: m 1641
Difficoltà: E
Tempo 5-6 ore (esclusa la durata della visita al Museo).
Carta Tabacco: Foglio n° 41 1:25.000
Accompagnatori: Franca Basso e Pietro Furlanetto cell 348 74 027 46
Partenza ore 6,00
arrivo previsto ore 21,00 circa

In occasione delle storiche celebrazioni riguardanti la prima guerra mondiale si è ritenuto di dover ripetere un’escursione effettuata nel lontano 1992, sul Monte Matajur che, nonostante la limitata altezza, è facilmente individuabile dalla pianura friulana per la sua caratteristica forma conica ed è il rilievo più rappresentativo simbolo delle Valli del Natisone. Il monte viene ricordato per la battaglia di Caporetto, ottobre 1917, nella quale il tenente Rommel, futuro federmaresciallo, con un’impresa epica ne conquistò la vetta consegnando alla storia una pagina ricordata come l’episodio determinante per la tragica ritirata italiana.
Con il pullman si arriva in prossimità del Rifugio Pelizzo (m 1325); a piedi ci si inerpica, percorrendo un anello, fino alla cima a quota m 1641, superando lungo il percorso le Malghe di Mersino, per il Sentiero Naturalistico Monte Matajur n° 725. Il vasto panorama della vetta comprende le valli del Natisone, le cime del Canins e del Mangart, del Tricorno e l’ampia cintura montuosa contrassegnata dal Monte Nero. L’escursione prosegue con una lunga discesa per facile sentiero, in un ambiente incontaminato e in una fiorente vegetazione per arrivare a Caporetto (Kobarid) dove è stata prenotata una visita al vicino Museo di Kobarid alle ore 15,30, testimone silenzioso ed inflessibile delle cruenti battaglie del sanguinoso primo conflitto mondiale.

cai-admin