8057
8 8-12 Luglio 2015 Monti Sibillini
  • Location: PARCO DEI MONTI SIBILLINI

Accompagnatori: Pietro Furlanetto – Pietro Piazza
cell 366 26 444 74
Cartografia: Carta 1:25000 della rivista monografica dei M.Sibillini n: 58 di Meridiani montagne
Carta della Kompass 1:50000

Era il lontano 1993 quando la sezione visitò questi luoghi nel mese di giugno. Oggi ritorna con un soggiorno di 5 giorni nel periodo di massima fioritura, detta LA FIORITA (spettacolare fioritura di campi di papaveri, lenticchie, fiordalisi, oveia, margherite, ecc.) nel Pian Grande di Castelluccio.
I Monti Sibillini costituiscono una estesa catena calcarea, a cavallo tra l’Umbria e le Marche, con diverse vette che superano i 2000 metri, culminanti col Monte Vettore (m 2476). E’ divisa in due parti: quella occidentale con vette prative che non superano i 2000 m, ospitanti numerose greggi di pecore, e quella orientale più elevata e accidentata, tra le quali son posti 3 pianori, il più esteso Pian Grande, il Pian Perduto, e il Pian Piccolo.
Queste montagne, con le loro immense foreste e le calve alture spazzate dal vento, sono la vera roccaforte del Canis lupus italicus, il lupo, di cui non è difficile rintracciarne la presenza. Questi sono luoghi di miti e di tradizioni leggendarie, come quella della strada delle fate, dell’antro della Sibilla. Di notevole interesse è il magico e misterioso Lago di Pilato, unico bacino naturale delle Marche, dove vive un minuscolo endemismo: il chirocefalo del Marchesoni.
Programma di massima (il programma più particolareggiato verrà consegnato per tempo prima dell’uscita).
1°giorno- Visita di Spoleto e Norcia e arrivo al rif. degli Alpini (m 1560) a Forca di Presta dove si alloggia per 4 notti.
2° giorno – Dal rif. salita alla Cima del M.Redentore, (m 2449),dominante il luogo simbolo di queste montagne, il Pian Grande di Castelluccio di Norcia. Dislivello in salita m 1000, in discesa m 1200) – tempo di percorrenza: ore 6. Diff.: E – EE.
3° giorno – Da Frontignano (zona sciistica sopra Visso) salita al M.Bove Sud (m 2169) e M.Bove Nord (m 2112). (disl. 600 m – ore 5).diff.: E. Chi non vuole effettuare l’escursione può visitare alcuni interessanti paesi, santuari ed eremi nei dintorni.
4° giorno – Dal rif. breve escursione verso il Monte Macchialta, il Passo di Castelluccio, il M.Poggio della Croce (m 1833), e discesa al Pian Grande. (disl. m 550- ore:3 ½ -4 diff. T- E) – Primo pomeriggio camminata tra i campi fioriti.
5° giorno – Ritorno a Montebelluna con breve visita a Perugia e Anghiari.

Vedi a pagina 13 il regolamento escursionistico completo.

cai-admin