Gruppo: Prealpi Trevigiane
Tipologia: anello
Partenza: Segusino
Arrivo: Segusino
Dislivello: salita e discesa m 400 m.
Quota massima: m 650
Difficoltà: E
Cartografia: Tabacco 1:20.000 foglio 068
Tempo: 5 ore
Accompagnatori: Silvano Bandiera / Michela Baldisser cell. 333 427 1712
Partenza: ore 07.30
Orario presunto di arrivo: 16.00

Spesso sottovalutati, sono proprio i luoghi fuori porta che riservano piacevoli e interessanti scoperte. Apriamo così una nuova stagione escursionistica lungo un itinerario che racconta del passato ma che sa regalare una piacevole escursione lungo un sentiero di recente riadattamento: il “codolà”, vecchia via di collegamento dalla montagna al fondovalle e viceversa. L’inizio del nostro itinerario parte dalla Chiesa di Segusino e percorre il primo tratto della Via dell’Acqua, in un ambiente alquanto suggestivo. Costeggiando il torrente Riù (sentiero n°1001) dove ben 8 nuovi ponticelli ci permetteranno l’attraversamento, si arriva ben presto a Stramare. Sarà l’incontro con chi ha reso emblematico questo vecchio borgo, a svelarci e raccontare i segreti di questi luoghi. Oltrepassato il piccolo paesino, si intraprende il “codolà” dove sono ancora ben visibili i segni lasciati dal passaggio delle slitte, unici mezzi di trasporto usati in quei tempi per lo spostamento delle merci. Successivamente, attraverso un profondo canalone, si raggiunge Milies, piacevole paesetto adagiato nella quiete di una conca, ai piedi del Monte Doc. Una comoda mulattiera (sentiero n° 1002) ci riporterà sulla strada del ritorno, dove altri interessanti luoghi “coloreranno”, con panorami e curiosità, questa piacevole escursione di inizio stagione.

Vedi a pagina 17 il regolamento escursionistico completo.

cai-admin